• LEGAMBIENTE PROVINCIALE
    La sede di Legambiente della Provincia di Pavia è in: Via Cardano 84 a Pavia
    Tel/fax 0382/33320 - e-mail: legambiente.prov.pv@alice.it Aperta tutti i venerdì dalle 17 alle 19.
    Iscriviti alla Newsletter
  • Cookie policy

    Questo blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando in Legambiente Provincia di Pavia acconsenti al loro uso; clicca su esci se non interessato.

    fai click qui per leggere l'informativa

    e qui per l'informativa del gestore

    Questo blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando in Legambiente Provincia di Pavia acconsenti al loro uso; clicca su esci se non interessato.INFORMATIVAESCI

  • Se il link non funziona manda una mail a: legambiente.prov.pv@alice.it
  • SEGUICI ANCHE SU

       Twitter MySpace Flickr YouTube FriendFeed
  • della PROVINCIA di PAVIA

  • Prodotti sostenibile

    La Nuova Ecologia
    QualEnergia. Il portale dell'energia sostenibile
    Rifiuti Oggi

    Ecosportello
    CEA energEtica
    Cicogna Bianca

    PO-Net
  • Blog Stats

    • 52,326 visite
  • StatCounter

    wordpress com stats

Rifiuti in provincia di Pavia – PIU’ RACCOLTA DIFFERENZIATA E MENO INCENERITORI

Legambiente scrive alle Istituzioni e avanza una proposta

Siamo a un momento decisivo; la Provincia di Pavia, ultima provincia lombarda in tema di raccolta differenziata e prima per inceneritori attivi, deve redarre il nuovo Piano Rifiuti Provinciale.

Per Legambiente è l’occasione per recuperare il tempo sprecato e portare la Provincia di Pavia a livelli di modernità e di rispetto delle normative, regionali, nazionali ed europee.

Il modello che si deve affermare anche nel nostro territorio deve prevedere: Differenziata Spinta, Riciclaggio/Recupero dei materiali raccolti separatamente, BASTA discariche, avvio di un processo di GRADUALE DISMISSIONE degli inceneritorie loro sostituzioni con nuovi impianti innovativi (impianti TMB – trattamenti meccanici -biologici quali le fabbriche /officine dei materiali, produzione di CSS (combustibile solido secondario) e impianti di recupero dell’organico tramite compostaggio e7o processi di digestione anaerobica con recupero di energia dal biogas o produzione di biometano per autotrazione.

Noi contiamo molto che il Nuovo Piano Rifiuti Provinciale apra una fase nuova e diventi uno strumento molto “concreto” e “partecipato” con i Sindaci dei Comuni, le aziende e i cittadini.

Intanto Legambiente ha scritto alle Istituzioni, Regione, Provincia e Comuni sede di inceneritori, chiedendo di attivare, così come già attuato con l’inceneritore di Cremona, un Tavolo Tecnico, presenti Regione, Provincia, Comuni di Parona e Corteolona, Arpa Lombardia e ASL Pavia, per esaminare la situazione in tema Rifiuti nel nostro territorio e valutare le possibili alternative agli inceneritori.

Nessuna azione di penalizzazzione delle aziende ma una richiesta di sostituire gli inceneritori con nuovi impianti più moderni, innovativi e meno inquinanti.

In allegato la lettera di Legambiente alle Istituzioni e la Delibera Regionale di Istituzione del Tavolo Tecnico per l’inceneritore di Cremona

LEGAMBIENTE PROVINCIA DI PAVIA Gianluigi Vecchi
LEGAMBIENTE PAVESE Renato Bertoglio
LEGAMBIENTE LOMELLINA Gianfranco Bernardinello

Info: gianluigi vecchi 348 8231528

__._,_.___

INCONTRO PUBBLICO SUL NUOVO PIANO RIFIUTI

E’ un incontro organizzato dal Partito Democratico ma mi  hanno chiesto un intervento come Legambiente; la tematica è importantissima e un po’ tutti i circoli di Legambiente, nei prossimi mesi e per  molti mesi, saranno impegnati su questo fronte.

Sul nostro sito provinciale https://legambientepv.wordpress.com/  e A QUESTO LINK trovate il Nuovo Piano Regionale Rifiuti; trovate la delibera 1990,  i due capitoli su Gestione Rifiuti e Bonifiche e infine trovate Il Rapporto Ambientale Sintesi non Tecnica.  Trovate anche tutta la documentazione precedente che ha portato alla definizione del Piano

http://www.reti.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Redazionale_P&childpagename=DG_Reti%2FDetail&cid=1213595689750&packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-to-render%3D1213595977411&pagename=DG_RSSWrapper

 

importante anche http://www.cartografia.regione.lombardia.it/sivas/jsp/procedimenti/schedaProcedimento.jsf?idPiano=37661&idTipoProcedimento=1#

 

INCONTRO PUBBLICO

LA REGIONE APPROVA IL NUOVO PIANO RIFIUTI

Per la Provincia di Pavia più Raccolta Differenziata e meno Impianti Inquinanti

La Regione Lombardia ha approvato il Nuovo Programma di Gestione dei Rifiuti; pianifica i Rifiuti Urbani ma da indirizzi anche sui Rifiuti Speciali pericolosi e non pericolosi. Ora la Provincia di Pavia dovrà predisporre il Nuovo Piano Rifiuti recuperando i grandi ritardi sulla Raccolta Differenziata e prevedendo un programma graduale di dismissione degli impianti più vecchi e più inquinanti.

 

Ne parlano con Amministratori, Associazioni e Comitati, Cittadini

GIUSEPPE VILLANI Consigliere regionale

ALBERTO LASAGNA  Segretario Provinciale

GIANLUIGI VECCHI Legambiente Provincia di Pavia 

L’incontro si terrà

Venerdi’ 18 luglio alle ore 21

CAVA MANARA

AREA FESTA DI via Costa

TUTTI CONTRO IL PARCO DEL TICINO…….

COMUNICATO STAMPA


 


TUTTI CONTRO IL PARCO DEL TICINO…….


INVECE SERVE UN SUO RILANCIO E NON UNA SUA DISTRUZIONE


 


Alla Valle del Ticino ed ai Parchi Lombardo e Piemontese che ne gestiscono il territorio sotto il profilo ambientale, è stato attribuito dall’Unesco il riconoscimento di Riserva della Biosfera, patrimonio naturale e culturale dell’intera umanità, area di eccellenza per l’elevato valore biologico dei suoi ecosistemi ma anche per la ricchezza culturale e paesaggistica del suo territorio.


 


Eppure come spesso accade nel nostro Bel Paese, le bellezze del nostro territorio non sono apprezzate, anzi molti Amministratori sono in prima fila per deturparle e distruggerle.


 


La Regione Lombardia è dalla fine degli anni 90 che non sostiene più i Parchi lombardi e in primo luogo il Parco del Ticino; costantemente la Regione Lombardia ha ridotto i finanziamenti ai Parchi, impedendo che si evolvessero come una fonte di ricchezza, anche economica, per un turismo molto qualificato.


 


Ora anche la Provincia di Pavia si allinea a questa politica miope di attacco ai Parchi.  Il Presidente della Provincia di Pavia, Daniele Bosone annuncia che non intende pagare al Parco del Ticino la cifra di sua spettanza di ben…….. 340.000€ che sono il costo più o meno di una rotonda o il rifacimento di qualche KM di strade dissestate; invece per il Parco del Ticino sono una questione di sopravvivenza.


 


E non si venga a dire che la missione prioritaria del Parco del Ticino, quella di salvaguardare e conservare un patrimonio unico, è stata raggiunta; senza il Parco la biodiversità sarebbe minacciata, molte zone di grande bellezza sarebbero state distrutte, autostrade inutili come la Broni-Mortara sarebbero già in costruzioni così come la terza pista di Malpensa e, come stanno a dimostrare le grandi difficoltà poste da alcuni Comuni alla Provincia di Pavia stessa per l’approvazione del PCTP per la voglia di avere mani libere sul proprio territorio, intere aree diventerebbero preda della cementificazione con enorme consumo di suolo perso per sempre.


 


CERTO NON DIFENDIAMO LA REALTA’ DEI PARCHI COME E’ DIVENTATA OGGI,



COME LEGAMBIENTE SIAMO PER LA LORO RIFORMA, PER IL LORO AMMODERMAMENTO, PER LA SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA E SOPRATTUTTO PER IL LORO RILANCIO E VALORIZZAZIONE DELLE LORO POTENZIALITA’ ANCHE ECONOMICHE.



 


PURTROPPO IN PROVINCIA DI PAVIA SIAMO INVECE ALLE SPARATE MIOPI


CHE PORTANO SOLO ALLA DISTRUZIONE DEL PARCO DEL TICINO


 


 


Legambiente Provincia di Pavia


Tavoli Natura e Territorio


Info Monica Lazzarini 349 6237418 –  Renato Bertoglio 3351024674


 


 




WORKSHOP ARIA

LABORATORIO
D’IDEE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA PROVINCIA DI PAVIA


Comunicato Stampa


Che Aria respiriamo
in Provincia di Pavia?


Esiste un problema diossina in particolare in Lomellina?


Legambiente Provincia di Pavia e Comitato dei Cittadini di Parona per la Salute e l’Ambiente organizzano un Workshop su Qualità dell’Aria e Rischio Diossina che si terrà Venerdì 14 marzo alle ore 21 alla Sala San Martino in Tours in Corso Garibaldi 69 a Pavia.


Il Convegno si aprirà con due relazioni scientifiche; una di carattere ambientale e abbiamo chiesto l’intervento ai responsabili ARPA della Provincia di Pavia e ad esperti del tema e uno di carattere sanitario e abbiamo chiesto l’intervento a Paolo Crosignani della Fondazione Irccs Istituto dei Tumori, Milano e Membro del Comitato scientifico della International Society of the Doctors for the Environment (Isde). La serata si concluderà con una Tavola Rotonda sul tema, con l’Assessore Provinciale all’Ambiente Michele Bozzano (che ha già confermato la presenza) e i consiglieri regionali Angelo Ciocca (in attesa di conferma), Mario Melazzini (in attesa di conferma) Iolanda Nanni (confermato) e Giuseppe Villani (confermato).


A tutti i relatori è stato inviato il Dossier a cura dei promotori con schede tecniche sulla qualità dell’aria e sulla possibile presenza di diossina.


Lo scopo dell’iniziativa è quello di affrontare, in modo scientifico e senza allarmismi, temi ambientali rilevanti, quali la qualità dell’aria e il rischio diossina e le ripercussioni sulla salute e sulla qualità della vita di tutti.


Da dati in nostro possesso sulla qualità dell’Aria in Provincia di Pavia, registriamo un miglioramento della situazione ma anche disfunzioni nel sistema di rilevamento e soprattutto incongruenze
nell’individuazione delle aree critiche (in particolare l’esclusione di zone in Lomellina come quelle di Parona-Mortara-Vigevano e l’area della Raffineria di San Nazzaro).


Più difficile e più delicato ancora il problema della possibile presenza di Diossina nel territorio che ciclicamente trova spazio nei media ma in mancanza di dati certi e di indagini serie.


Abbiamo scelto quindi la via dell’approccio scientifico ai problemi ambientali e soprattutto la via del confronto con i soggetti Istituzionali preposti per avere una fotografia veritiera della realtà territoriale e per impostare politiche ambientali efficaci non più rinviabili.


In allegato il Dossier preparato dai promotori ed una pubblicazione della Regione Lombardia sull’argomento.



Info:
Gianluigi Vecchi 348 8231528
Riccardo Orlandi 347 9455087

Cittadinanza e Costituzione

1899825_10203579424710479_198965912_oL’Istituto di Istruzione “A. Volta” attraverso il progetto “Volta nel Mondo” promuove dei percorsi di educazione alla Cittadinanza attiva in collaborazione con:
Casa del Giovane, ACLI, Ad Gentes, ARCI, Associazione Babele Onlus, Avvocati di strada, Banca Etica, Bottega Equo Solidale C.A.F.E., Caritas, Centro Servizi Volontariato, CICOPS Università di Pavia, Comitato Pavia Asti Senegal,
Comunità S. Egidio, C.R.I. Pavia, Gruppo Acquisto Solidale Pavia, Legambiente, Libera e Pax Christi
Maggiori info nella locandina.
Laboratori per studenti
• delle secondarie di secondo grado
dal 17 al 22 Febbraio 2014
• delle classi terze
delle secondarie di primo grado
dal 26 al 28 Febbraio 2014
Comunità “Casa del Giovane”
via Lomonaco, 43/45
PAVIA