• LEGAMBIENTE PROVINCIALE
    La sede di Legambiente della Provincia di Pavia è in: Via Cardano 84 a Pavia
    Tel/fax 0382/33320 - e-mail: legambiente.prov.pv@alice.it Aperta tutti i venerdì dalle 17 alle 19.
    Iscriviti alla Newsletter
  • Cookie policy

    Questo blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando in Legambiente Provincia di Pavia acconsenti al loro uso; clicca su esci se non interessato.

    fai click qui per leggere l'informativa

    e qui per l'informativa del gestore

    Questo blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando in Legambiente Provincia di Pavia acconsenti al loro uso; clicca su esci se non interessato.INFORMATIVAESCI

  • Se il link non funziona manda una mail a: legambiente.prov.pv@alice.it
  • SEGUICI ANCHE SU

       Twitter MySpace Flickr YouTube FriendFeed
  • della PROVINCIA di PAVIA

  • Prodotti sostenibile

    La Nuova Ecologia
    QualEnergia. Il portale dell'energia sostenibile
    Rifiuti Oggi

    Ecosportello
    CEA energEtica
    Cicogna Bianca

    PO-Net
  • Blog Stats

    • 54,612 visite
  • StatCounter

    wordpress com stats

Piccolagrandeitalia 2010

Comunicato Stampa
VOLER BENE ALL’ITALIA – FESTA DEI PICCOLI COMUNI PICCOLAGRANDEITALIA
Da Domenica 30 aprile a Domenica 9 maggio torna Voler Bene all’Italia, la festa dei piccoli comuni italiani che celebra la forza di questi territori, per riscoprirne tesori, paesaggi, saperi e sapori
L’edizione 2010 in Provincia di Pavia è dedicata alla BIODIVERSITA’
I preparativi dei piccoli Comuni della nostra Provincia
“Questa nostra terra, dove ogni valle e ogni cima ha un nome di famiglia, dove, a scavare colline, ci si accorge che sono tombe sulle quali noi siamo cresciuti, senza che mai si sia rotto nei millenni il filo della parentela con quei sepolti”. “Allora, nasce dentro di noi come un intenerimento e si sente allora, come non mai, di volere bene, ma molto bene, all’Italia”.(dal carteggio tra Pietro Pancrazi e Pietro Calamandrei). Dalla suggestione di questo carteggio tra i due intellettuali nasce il nome Voler Bene all’Italia, con cui Legambiente ha battezzato la giornata di festa dei e per i piccoli comuni.
Una festa che si ripete ogni maggio dal 2004 ed è realizzata sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il sostegno di un vasto Comitato Promotore.
Sono oltre 5.800 i comuni italiani con meno di 5.000 abitanti, ci vivono quasi 11 milioni di cittadini e rappresentano oltre il 55% del territorio nazionale, con zone di pregio naturalistico, parchi e aree protette. Questi piccoli centri svolgono un’opera insostituibile di presidio e cura del territorio, sono portatori di cultura, saperi e tradizioni, oltre che fattori di coesione sociale. Una costellazione solo apparentemente minore, che brilla per la straordinaria varietà ambientale e per l’inestimabile patrimonio culturale, artistico e paesistico, ricchezze non sempre note e perciò da valorizzate. Per favorirne la conoscenza, Legambiente ha promosso PiccolaGrandeItalia. Una campagna il cui obiettivo è tutelare l’ambiente e la qualità della vita dei cittadini che vivono in questi centri, valorizzandone risorse, patrimonio d’arte, tradizioni e combattendo la rarefazione dei servizi e lo spopolamento che colpiscono questi territori. Con PiccolaGrandeItalia si intendono promuovere scambi e interazioni strategiche tra i piccoli comuni, una fruttuosa alleanza tra tutte quelle realtà che vogliono esprimere e condividere esperienze ed eccellenze, per costruire un futuro che faccia della tutela dell’ambiente il cuore di un progetto di sviluppo.
Una giornata di festa per tutti coloro che in questi luoghi vivono, ma anche per quanti hanno imparato ad apprezzarli ed amarli, un’occasione per scoprire i tanti gioielli che si nascondono dentro questa Italia poco nota. Voler bene all’Italia vede ogni anno l’adesione di migliaia di comuni, parchi, comunità montane, regioni e province, ma anche di scuole, associazioni di volontariato e molte altre realtà culturali e produttive locali. Un insieme variegato di istituzioni e soggetti territoriali, che per l’occasione si mobilitano all’unisono e aprono le porte dei loro borghi, facendo percepire la voce festosa di quest’Italia, minore solo nelle liste dell’anagrafe.
Una PiccolaGrandeItalia insomma, ben descritta dalle parole dell’ex Presidente della Repubblica. Carlo Azeglio Ciampi, che, durante il suo settennato ha sempre sostenuto questi luoghi, ricordando che: “Questi borghi rappresentano un presidio di civiltà, concorrono a formare un argine contro il degrado idrogeologico e spesso posseggono impianti urbani medievali, antichi, di grande valore. Riconquistiamo questi luoghi”.
Piccola Grande Italia
FESTA DEI PICCOLI COMUNI
In Provincia di Pavia
aL sito internet: http://www.piccolagrandeitalia.it altre informazioni sull’iniziativa e i Comuni della Provincia di Pavia che partecipano
La Provincia di Pavia ha 171 piccoli comuni pari al 90% dei 190 comuni. La popolazione residente in questi territori è di 224.329, pari al 43% della popolazione provinciale. Nell’ambito dell’iniziativa nazionale anche quest’anno Legambiente e la Provincia di Pavia, hanno promosso una specifica iniziativa provinciale, che ha come tema conduttore la “Biodiversità” visto che il 2010 stato proclamato dall’ONU anno della biodiversità.
Gli ambiti interessati da questo progetto sono i Comuni inferiori ai 5.000 abitanti sul cui territorio ricade un parco, una riserva, un monumento naturale regionale, un parco locale d’interesse sovracomunale, un sito d’importanza comunitaria o una zona di protezione speciale. I Comuni che partecipano predisporranno un progetto di fruizione relativo alle iniziative riguardanti in particolare le risorse di storia, arte, natura e prodotti tipici locali.
Al di là di questo progetto sulla biodiversità promosso dalla Provincia in collaborazione con Legambiente, tutti i Comuni al di sotto dei 5000 abitanti del nostro territorio, possono aderire con proprie iniziative a questo evento
COS’E’ LA BIODIVERSITA’
La biodiversità o “diversità biologica o diversità della vita” è stata definita ufficialmente durante la Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e sullo sviluppo, tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992:
”Per diversità biologica si intende la variabilità degli organismi viventi, degli ecosistemi terrestri, acquatici e i complessi ecologici che essi costituiscono; la diversità biologica comprende la diversità intraspecifica, interspecifica e degli ecosistemi”.
La biodiversità può essere individuata a diversi livelli:
 la diversità intraspecifica riguarda la variabilità a livello genetico che esiste tra individui appartenenti alla stessa specie;
 la diversità interspecifica considera la varietà delle specie presenti sul nostro pianeta, sia animali che vegetali;
 la diversità degli ecosistemi comprende tutte quelle comunità biologiche che interagiscono tra loro e con l’ambiente fisico circostante.
Questa ricchezza è il risultato dei lenti processi evolutivi che agiscono sulle caratteristiche genetiche delle specie, permettendo così alle forme di vita di adattarsi al cambiamento delle condizioni ambientali.
La biodiversità è fondamentale non solo per noi, ma anche per i nostri discendenti e per tutti gli esseri viventi della Terra, è il pilastro della salute del nostro pianeta.
È la risorsa più importante della nostra esistenza, influisce sulla fertilità del suolo e delle piante coltivate, sul clima, sul regime idrico e sulla qualità delle acque.
Inoltre, anche la nostra economia e il turismo sono influenzati profondamente da questa risorsa.
Per tutti questi motivi, punto chiave del recente G8 Ambiente (Siracusa, 22-24 aprile 2009) è stato proprio il riconoscere di fondamentale importanza che vengano perseguite delle politiche in favore dell’ambiente, ed in particolare della biodiversità.
L’Italia, è uno dei Paesi più ricchi di biodiversità in Europa, con circa 57.000 specie animali (1/3 di quelle europee) e 5.600 specie floristiche (il 50% di quelle europee), dei quali il 13,5% sono specie endemiche.
Questo enorme patrimonio naturalistico rappresenta un capitale di valore inestimabile per tutti noi: maggiore biodiversità è condizione di buona salute per il territorio in generale e per la comunità che lo abita.
Più biodiversità significa, in definitiva, migliore qualità della vita per chi abita oggi un territorio e per le generazioni future che lo faranno domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: